CASO SCHWAZER/ Nado Sanvito e il cattivo giornalismo: a pensar male…

No, non è un errore nel titolo. Il giornalista Nando Sanvito da quando si occupa di antidoping potremmo chiamarlo NADO Sanvito: giusto nome di battaglia, riconoscimento per l'esperienza acquisita sul campo.  Domenica scorsa è andata in onda sulla RSI Sport (Rete Svizzera Italiana) un'interessante ed estesa inchiesta dal titolo "Cosa c'è dietro il caso Schwazer?", e abbiamo finalmente visto come fare del buon giornalismo: c'è stato addirittura un contraddittorio, usanza ormai dimenticata da molti...
Altro

GRATIS il mini libro: IL CASO SCHWAZER, verità o finzione?

La verità sulla vicenda Schwazer e sul presunto complotto. In esclusiva il download gratuito del mini libro di 39 pagine scritto da Roberto De Benedittis, dal titolo: IL CASO SCHWAZER: Verità o finzione? Manipolazione delle provette o manipolazione mediatica? DOWNLOAD Inoltre in allegato, per aiutare a capirne di più, è possibile scaricare anche un'altra pubblicazione unica, ovvero la lettera inviata pochi giorni fa alla Commissione Cultura della Camera dei Deputati da Stefano La Sorda, do...
Altro

La medaglia d’oro Olimpica Jared Tallent annuncia il ritiro

L'atleta maschile più decorato d'Australia, Jared Tallent, ha annunciato oggi il suo ritiro dalla marcia. La medaglia d'oro olimpica di Londra 2012 nella 50km di marcia, conclude una carriera di 13 anni senza rivali, dopo aver vinto un totale di 15 medaglie in eventi clou, tra cui quattro medaglie olimpiche, due medaglie ai Giochi del Commonwealth (di cui un oro), tre medaglie ai campionati del mondo e sei medaglie alla Coppa del mondo di marcia. Tallent ha fatto la storia al suo debutto olimpi...
Altro

Qualcuno informi il Presidente Stefano Mei

Hanno suscitato non poche critiche le modalità con le quali il Presidente della Fidal Stefano Mei ha deciso di pubblicare sul sito della Fidal il testo dell’Ordinanza con la quale il Giudice per le Indagini Preliminari di Bolzano Walter Pelino ha determinato il non luogo a procedere nei confronti di Alex Schwazer. Prassi vorrebbe, infatti, che il documento sia preceduto da due semplici, asettiche righe del tipo: “a seguito dell’interesse suscitato nell’opinione pubblica, riteniamo opportuno pub...
Altro

Il Presidente Coe mette in guardia l’Italia su Schwazer

L'Italia non deve essere dalla "parte sbagliata della storia" sul caso di Alex Schwazer. Il presidente di World Athletics Sebastian Coe, in occasione della conferenza stampa che ha seguito il 224° World Athletics Council, ha avvertito l'Italia di non mettersi dalla "parte sbagliata della storia".  Alex Schwazer dopo la seconda squalifica doping del 2016 (testosterone) è stato interessato da un procedimento penale della giustizia italiana sul medesimo caso, ma la sua posizione è stata recen...
Altro

Malagò, Schwazer e l’uomo che non capiva troppo

Abbiamo raccolto un elenco (dettagliato ma che comunque non si può definire completo o esatto al 100%) dei casi doping italiani condannati dalla giustizia sportiva e poi assolti o archiviati da quella ordinaria, anche con motivazioni sorprendenti; sono inclusi anche 4 casi di condanna tra cui patteggiamenti e pene molto "morbide". La Legge 376/2000 è in effetti più vecchia di 21 anni rispetto al nuovo codice mondiale antidoping e alle nuove procedure di indagine ed analisi della WADA che segue, ...
Altro

Alex Schwazer pensa che siamo stupidi?

Forse Alex Schwazer ci crede stupidi e smemorati. Non gli basta apparire ovunque (giornali, Sanremo, Webinar, Verissimo), arriva anche una serie televisiva che sarà “liberamente” tratta dal nuovo libro in cui Donati ci racconterà il “complotto”; ovviamente dal punto di vista di un presunto consulente WADA. Ieri ulteriori ed evitabili 10 minuti di intervista alle Iene, che con il giornalista Antonino Monteleone annunciano l’inizio dell’ennesima inchiesta "bomba". Se non fosse che uno degli scopi...
Altro

Schwazer, Malagò e Mei: archiviazioni da amare e sentenze da dimenticare

A dire il vero è stato proprio Schwazer ad iniziare: “Le sentenze non si commentano, si rispettano”. Del resto dopo la decisione del giudice Walter Pelino della scorsa settimana è anche normale che Alex rimproveri la WADA con questa vecchia massima. Allo stesso modo il Presidente FIDAL Stefano Mei: “bisogna rispettare le sentenze”. Come dargli torto? Infine, il Presidente del CONI Giovanni Malagò al termine della Giunta Nazionale di ieri: “Abbiamo agito come padri di famiglia: non possiamo andar...
Altro

La verità è che Schwazer non è stato assolto. Cosa succederà ora?

Le accuse penali di doping contro Alex Schwazer sono state accantonate, il GIP di Bolzano Walter Pelino ha archiviato la sua posizione nell’ordinanza di 87 pagine che ha fatto gridare allo scandalo non solo per la presunta manipolazione che si ritiene “provata con alto grado di probabilità razionale”, ma anche per l’attacco diretto alla WADA e World Athletics. Sbaglia chi parla di “sentenza” in favore di Schwazer, quando in realtà non c’è stato neanche un processo. Prende un abbaglio anche il P...
Altro

Squalifica doping assegna all’Italia e a Marco De Luca l’oro della Coppa Europa 2015

I risultati non sono stati ancora aggiornati ma c'è poco da ufficializzare: all'Italia e a Marco De Luca vanno l'oro a squadre ed individuale della 50Km di marcia della Coppa Europa 2015 di Murcia (ESP).  Il russo Ivan Noskov era già stato squalificato nel 2016 per 4 anni causa positività all'EPO, ma la squalifica aveva annullato solo i suoi risultati dal 2 giugno 2015 al 15 luglio 2015, lasciando valido il primo posto ottenuto in Coppa Europa a maggio del 2015. La giustizia però è arrivata, se...
Altro